• Murales di Zefiro e Aura

    Il Borgo dei Murales, conosciuto come la galleria d’arte a cielo aperto, si è arricchito di una nuova opera artistica terminata in questi giorni.  Gli artisti sono due ragazzi che vivono a Castelraimondo e nella loro vita quotidiana svolgono attività completamente diverse, hanno la passione non solo di dipingere, ma anche di comporre versi poetici che descrivono il dipinto da loro realizzato.

    Giovanni Perno, di origine Campane di Avellino ci illustra la sua opera: “la tecnica che ho utilizzato è principalmente bombolette a spray di acrilico, alternando la tecnica libera con l’utilizzo degli stencil” – invece Valeria di Martino la parte poetica, ci spiega la scelta di realizzare un Murales dedicato ai due venti primaverili “ci siamo ispirati alla Venere del Botticelli, dove sono raffigurati in un abbraccio i due venti. Li abbiamo raffigurati nell’angolo Zefiro, vento che preannuncia l’arrivo della bella stagione, accompagnato da Aura, che significa “brezza”– continua di Martino – l’idea di sospiro è dal respiro nasce la bellezza che è la Venere  intesa in senso universale come splendore della vita, è nata pensando ad un soffio di bellezza verso l’uomo, verso la persona”. Gli artisti oltre a lasciare la loro firma, hanno composto una frase: “Intrecci di vita, speranza fecondo di pace, soffio di bellezza su tutto ciò che è vivo. Vivi perché sei bella, sei bella perché vivi”

    Un Murales poetico, raffigurato con colori vivi intensi, primaverili, Zefiro dipinto sembra quasi vero il suo soffio con le “guance” gonfie danno l’idea di una reale folata di vento, dove, grazie ai particolari,  aiutano a comprendere il legame e la complicità presente tra i due venti.

    Un Murales figurativo dove l’interpretazione sarà soggettiva da parte di chi lo osserverà dando spazio alla fantasia di messaggi che potrebbe trasmette, al turista.

    Maria Cristina Mosciatti

  • Il Borgo di Braccano, è diventato un luogo turistico con una propria identità ed immagine, che ha superato qualsiasi aspettativa, i Murales e l’offerta naturalistica che lo circonda rappresenta senza alcun dubbio un aspetto, rilevante per una scelta turistica di nicchia.

    L’ informazione di Braccano, è divenuta fondamentale ed ha funzionato per un piccolo borgo con poco più di 110 residenti, la strategia di “conoscenza” dell’identità legata al web e ai social network è stata  uno strumento indispensabile  per il territorio. Identità, che è fortemente sostenuta dalla cultura e, quindi, dalle persone che vivono all’interno della comunità dove il turista interagisce.

    Oggi giorno, la promozione del territorio (marketing territoriale) ha assunto un ruolo fondamentale all’interno delle strategie di comunicazione turistica di qualsiasi luogo. L’obiettivo della promozione turistica del Borgo di Braccano,  è stato quello di aumentare il valore del territorio al fine di renderlo anche competitivo con altri territori, ma nello stesso tempo più  attrattivo possibile, grazie alla realizzazione, da parte di alcuni residenti, di un sito web https://braccano.jimdofree.com, che oggi ha superato le 21.000 visite, disponibile anche la versione mobile, collegandolo successivamente con le piattaforme dei social network come: Facebook Borgo di Braccano, Twitter, @MuralesBraccano, Instagram @borgoNaturainarte e  #braccano con 1878 post fotografici pubblicati, offrendo la possibilità di “apparire su internet”, considerando che in Italia il numero di persone che lo utilizzano abitualmente, nella fascia di età compresa fra i 16-74 anni, si aggira intorno al 56%, destinati ad aumentare.

    Sicuramente l’arte dei Murales, ha giocato un ruolo fondamentale come espressione artistica/ visiva di un territorio legato alle tradizioni locali, il viaggiatore contemporaneo, vuole scoprire i luoghi da visitare attraverso emozioni e sensazioni sentendosi parte di esso,  Instagram è il social ideale che svolge questo compito in modo impeccabile, grazie al coinvolgimento visivo.  Il Borgo di Braccano ha avuto e sta avendo la sua notorietà, anche, grazie a questo social che racconta il luogo attraverso le immagini  e le community presenti, offrendo così un’esperienza stimolante e ancor più accattivante per i viaggiatori che cercano una  meta diversa che può scaturire emozioni. La strada è ancora lunga, ma i Social Network sono strumenti straordinari in grado di accelerare il processo di sviluppo del turismo locale.

    A volte non è facile saper raccontare un territorio  per la sua vastità ed eterogeneità, ma un uso consapevole ed intelligente dei social media ha rappresentato una risposta positiva alla promozione dei luoghi caratteristici e artistici come il Borgo di Braccano.

    #nature #photography #naturephotography #love #photooftheday #travel #instagood #beautiful #picoftheday #art #photo #instagram #landscape #naturelovers #like #follow #happy #bhfyp #summer #travelphotography #life #sunset #style #instadaily #fashion #beauty #ig #photographer #flowers #bhfyp

    #smile #wildlife #mountains #me #likeforlikes #myself #adventure #model #cute #naturelover #india #landscapephotography #hiking #followme #green #explore #canon #instalike #photoshoot #outdoors #birds #insta #selfie #travelgram #beach #wanderlust #sun #animals #macro #forest

  • Gli animali selvatici hanno paura dell’uomo così come dei cani e la nostra presenza potrebbero terrorizzarli. Quindi non tentare di avvicinarti troppo, se avvisti un animale osservalo da lontano rimanendo sulla strada o sul sentiero che stai percorrendo. Evita rumori molesti, schiamazzi e musica ad alto volume, apprezza la tranquillità dei suoi abitanti.

    E’ assolutamente vietato dare da mangiare agli animali, sanno trovarlo autonomamente e, il nostro comportamento, anche se in buona fede, potrebbe risultare loro dannoso o addirittura fatale. E’ assolutamente vietato il foraggiamento a fini fotografici, purtroppo alcuni fotografi naturalisti, utilizzano questo metodo per poter catturare nel loro obiettivo l’animale, non rendendosi conto del grave danno che può arrecare allo stesso.

    A breve sarà primavera può capitare di vedere nell’erba, nel sottobosco o nei pressi del sentiero, dei piccoli di capriolo raggomitolati e immobili. Anche avvicinandoci, questi cuccioli restano fermi e non fuggono, ma attenzione, ciò non significa che siano feriti! Spontaneamente non si muovono per evitare di essere individuati da eventuali predatori, aiutati dal loro mimetismo, (colore del pelo, bruno chiaro e con le caratteristiche macchie bianche) e dall’assenza di odore. I PICCOLI NON VANNO TOCCATI! Se noi tocchiamo i cuccioli di questi, come di altri animali, essi rischiano di venire abbandonati dalla madre, che avverte il nostro odore e non riconosce il piccolo. Se individuate un piccolo capriolo vicino al sentiero o un centro abitato, segnalatelo ai Carabinieri Forestali e mantenetevi a distanza: la madre è sicuramente nelle vicinanze e, di tanto in tanto, torna dal cucciolo per l’allattamento e le cure.

    In caso di ritrovamento di animali feriti non toccarli, ma contattate i Carabinieri Forestali. Infatti in caso di ferimento gli animali possono diventare aggressivi, non è mai prudente avvicinarsi, nemmeno agli erbivori.

    Può anche capitare di trovare animali in difficoltà, feriti o morti. Ciò che succede alla fauna selvatica nel bosco  fa parte del naturale ciclo della vita e non richiede l’intervento dell’uomo. In ogni caso, è importante evitare di toccarli, non solo perché potrebbero trasferire malattie e parassiti, ma anche perché avvicinandoci potremmo spaventarli, peggiorare la loro situazione o addirittura venire attaccati. Segnate la posizione dove è stato avvistato l’esemplare e, avvisare i Carabinieri Forestali al numero 1515.

    A cura di Maria Cristina Mosciatti – Guida Naturalistica

    #nature #photography #naturephotography #love #photooftheday #travel #instagood #beautiful #picoftheday #art #photo #instagram #landscape #naturelovers #like #follow #happy #bhfyp #summer #travelphotography #life #sunset #style #instadaily #fashion #beauty #ig #photographer #flowers #bhfyp

    #smile #wildlife #mountains #me #likeforlikes #myself #adventure #model #cute #naturelover #india #landscapephotography #hiking #followme #green #explore #canon #instalike #photoshoot #outdoors #birds #insta #selfie #travelgram #beach #wanderlust #sun #animals #macro #forest

    #animali #animals #animal #nature #natura #love #instagood #dog #animalsofinstagram #fauna #instanature #pet #pets #cat #cute #instalife #photography #italy #photooftheday #dayshots #nature_shooters #awesome_shots #instanaturelover #wild #naturaleza #natgeohub #igs #dogs #animallovers #naturephotography #animaliselvatici


  • Il suo nome deriva dal greco  helios (sole) e chrysos (oro),  perché il colore giallo dei fiori ricorda il sole. E’ una specie usata fin dall’antichità, per le sue innumerevoli proprietà medicamentose. Una peculiarità dei fiori d’elicriso è che, una volta colti, si conservano a lungo, dando l’impressione di non seccarsi mai. Ha un profumo aromatico molto intenso, che ricorda quello della liquirizia.
    Il suo aroma è stato citato già nel I secolo d.C. da Plinio il Vecchio che, nella sua opera Naturalis Historia, lo descrisse come per nulla sgradevole e in grado di proteggere gli abiti dalle tarme.
    L’uso di questa pianta in campo medico e fitoterapico è ampiamente conosciuto fin dai tempi dei romani. A cosa fa bene l’elicriso? In particolare, è usato per la gestione dei problemi respiratori e digestivi, e per la cicatrizzazione delle ferite. Quindi, la pianta, che si assume come decotto o tisana, è considerata benefica per le condizioni infiammatorie e infettive delle vie aeree, tra cui tosse, bronchite, laringite e tracheite.

  • Conosciamo i fiori per l’Acqua di San Giovanni.
    Il Fiore per eccellenza e di massima fioritura in questo periodo è L’IPERICO vi ho aggiunto anche la ricetta casalinga per realizzare l’Oliolito a freddo d’iperico.
    L’iperico nome scientifico Hypericum perforatum, nota anche col nome di erba di San Giovanni, perforatum deriva dal fatto che le foglioline sono bucherellate e si vedono controluce. I suoi fiori sono di colore giallo oro, all’iperico vengono attribuite proprietà antinfiammatorie, cicatrizzanti e, soprattutto, antidepressive e ansiolitiche. In particolare, l’azione antinfiammatoria sembra sia dovuta all’ipericina e all’amentoflavone (un flavonoide) contenuti all’interno della pianta stessa.
    OLIOLITO A FREDDO D’IPERICO
    L’olio di iperico è un valido rimedio in caso di scottature, ustioni ed eritemi solari. E’ inoltre utile per trattare la pelle arrossata da pannolini nei bambini, è un ottimo sbiancante per le macchie della pelle. Eccellente come lenitivo doposole non va però usato prima di esporsi al sole perchè ha un effetto fotosensibilizzante, cioè durante l’esposizione al sole rende la pelle più sensibile agli effetti dannosi delle radiazioni.
    Ecco come preparare in casa l’oleolito d’iperico:
    Dopo aver raccolto i fiori d’iperico mettere le cime del fiore ben pulite e asciutte in un vasetto di vetro e coprire fino all’orlo con olio di girasole. Tenere coperto con una garza per 7 giorni in modo da far evaporare eventuali residui di acqua, chiuderlo ermeticamente e tenere a stagionare per un mese ai raggi del sole il giorno e della luna di notte, ogni tanto scuotere il barattolo. L’olio di Iperico è pronto quando ha un bel colore rosso intenso. Filtrare con un colino e una garza di cotone. Premere bene i fiori con un cucchiaio o un bastoncino di legno e versarlo in una bottiglietta di vetro scuro per proteggerlo dal sole e conservarlo al buio, il vostro olio è pronto per essere utilizzato e si conserva per circa un anno

  • Ginestra
    La ginestra è una pianta tipica della nostra macchia mediterranea, con un’antica tradizione popolare. E’, infatti, impiegata fin dall’antichità come pianta da fibra.
    Popoli antichi, quali Fenici, Cartaginesi, Greci e Romani, la usavano per la produzione di stuoie, corde e manufatti vari.
    Il termine “ginestra” deriva dal greco spartos=corda, a conferma dell’impiego della fibra per la realizzazione artigianale di tessuti grossolani.
    La ginestra appartiene alla grande famiglia botanica delle Leguminosae. A questa famiglia appartengono piante come fagiolini, fave, piselli, lenticchie, ceci. A differenza di quest’ultime, però, i frutti della ginestra non sono commestibili, anzi, tutte le parti della pianta sono tossiche per l’uomo se ingerite.
    Secondo i Celti la ginestra rappresentava il Sole, ed era utilizzata durante i riti funebri, (una pianta magica che aiutava l’anima nel viaggio verso l’Altromondo?), di certo si sa che le ceneri del suo legno, erano sparse come fertilizzante per i terreni sterili, richiamando emblematicamente la nuova vita che nasce dalla morte.

  • La valle di Roti, (Marche, comune di Matelica) prende il nome dall’omonima Abbazia di Santa Maria de Rotis, secolo XII, dove dimorarono per secoli i monaci che dedicavano la loro giornata seguendo la regola benedettina di “ora et labora”. Un luogo che è rimasto incontaminato e continua a regalare in tutte le stagione la propria bellezza. Nel periodo tardo primaverile si può ammirare la straordinaria fioritura con diverse specie floristiche, anche di pregio come l’orchidea maculata. Rigorosamente non si possono raccogliere, in quanto la valle di Roti si trova all’interno della Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e del Canfaito, ma solo fotografare. (Maria Cristina Mosciatti)

  • Con il bel tempo, le giornate allungate, la temperatura mite, le passeggiate in montagna sono, per gli appassionati e non solo, un rito. Non è escluso che si possa intravedere tra i cespugli, nascosto un piccolo capriolo, in quanto fra aprile e luglio le femmine partoriscono uno o due cuccioli, dove il mantello maculato li mimetizza perfettamente con l’ambiente. Durante le prime settimane di vita, rimangono immobili, alzandosi solo per succhiare il latte materno, sono completamente inodori per non essere percepiti dai predatori. La madre, infatti, non abbandona i suoi figli ma li nasconde nell’erba mentre si alimenta per poi tornare ad allattarli, non avvicinatevi evitate di toccarli in quanto lasciando l’odore umano sul capriolo, la mamma potrebbe decidere di abbandonarlo per sempre. Se, invece accade di trovare un capriolo ferito perché investito, lui rimane immobile, evitiamo, anche in questo caso di accarezzarlo e di non parlare a voce alta, perché trovandosi in uno stato di stress, ha molta paura. Si consiglia di chiamare il 1515 che provvederà al recupero e portarlo nel più vicino CRAS, Centro di recupero per la fauna selvatica che ha l’obiettivo primario di curare e recuperare gli animali trovati feriti o in difficoltà, per un primo soccorso e successivamente trasferirlo in un centro faunistico per la ripresa totale. Una volta guarito, verrà imbrattato di terra, foglie, perché perda l’odore del contatto umano e sarà rilasciato nello stesso punto dove è stato recuperato affinché possa reintegrarsi in natura, sarà monitorato per un periodo di tempo dagli operatori, affinché si accertino della sua integrazione.
    Il cambiamento climatico e le alte temperature, non aiutano gli animali anzi li disorientano, non esistono più le stagioni, spesso succede che nei periodi invernali le temperature sono ancora miti e alcuni animali non vanno in letargo oppure si svegliano presto per andare alla ricerca di cibo, per accoppiarsi, oltre ai caprioli stiamo molto attenti, in particolare sulla strada, all’attraversamento dei ricci. Questi mammiferi che sono insettivori, sono, anche, golosi di frutta e verdura, cosa possiamo fare se troviamo un riccio ferito? Un primo soccorso, bisogna prenderlo delicatamente con dei guanti, riporlo in una scatola con accanto una borsa dell’acqua calda o una coperta per ristabilire la sua temperatura corporea, lasciarlo al buio senza somministrare cibo o farmaci, chiamando in un primo momento il veterinario; in caso di volpe ferita, non toccarla e stare distanti il più possibile per evitare il forte stress. Purtroppo, in questi ultimi anni abbiamo assistito ad un‘antropizzazione di questo mammifero, si avvicina sempre più ai centri abitati e spesso come si leggono anche nei quotidiani, interi quartieri le adottano, questo non dovrebbe accadere perché spesso poi vengono trovate uccise per la cattiveria umana, sia nella situazione del riccio che della volpe ferita chiamare il 1515 che provvederà al recupero, ricordiamo sempre di riferire la posizione geografica del ritrovamento.
    In questi ultimi anni, la protezione della biodiversità è diventata una priorità in quanto deve essere vista come una responsabilità sociale fondamentale, stiamo assistendo ad “cambiamento” radicale dove l’equilibrio tra uomo e natura non è mai stato così fragile.
    Maria Cristina Mosciatti

    #animali #natgeo.wild #naturephotography #wildernessculture #natgeotravel #baby #sweet #wild #wildanimals #life #wildlife #colors #sky #colours #mountains #photographylovers #nature_perfection #naturephotography #nature☀️dışarı #tflers #tweegram

  • RISERVA NATURALE REGIONALE DEL MONTE SAN VICINO E DEL MONTE CANFAITO

    Quante volte sentiamo parlare o vediamo scritto area protetta, area naturalistica, riserva naturale, ma ci siamo mai chiesti del perché sono istituite e che funzioni hanno?

    La funzione principale, è quella di mantenere l’equilibrio ambientale in un determinato luogo, aumentandone o mantenendone la biodiversità delle specie animali e vegetali, conservando il proprio ambiente naturalistico e tutelandolo con regolamenti specifici sulla protezione, anche, del patrimonio storico culturale presente nell’area naturalistica. Secondo alcuni studiosi, l’idea di conservazione di un luogo può risalire a 40.000 anni fa, in Italia, a differenza degli altri paesi europei, il rapporto uomo ambiente è sempre stato legato ad un’economia della montagna e al rispetto, perché fonte di sostentamento. Già nei primi anni del 1900 ci fu una prima attenzione all’ambiente inteso come sistema naturale, da citare in primo luogo, la storica Legge 364/1909 per la tutela “delle antichità e delle belle arti”, che finiranno nella estensione della Legge 778/1922 “per la tutela delle bellezze naturali e degli immobili di particolare interesse storico”, basata sul disegno di legge Benedetto Croce del 1920 e chiamata Legge Croce. Successivamente, l’istituzione dei primi parchi nazionali, con il Regio Decreto 1584 del 3 dicembre 1922 veniva istituito il Parco Nazionale del Gran Paradiso; pochi giorni dopo, l’11 gennaio 1923, venne legalizzato anche il Parco Nazionale d’Abruzzo; nel 1934, fu istituito il Parco Nazionale del Circeo e, l’anno successivo, il Parco Nazionale dello Stelvio. Solo nel 1991 avverrà, un’altra storica svolta, il 6 dicembre venne definita la classificazione delle aree naturali protette con la Legge quadro 394/91, costituita da 38 articoli. La conservazione, protezione e tutela non è un fattore solo di pochi decenni, ma ha radici storiche, in quanto l’uomo ha sempre capito l’importanza di poter proteggere il proprio ambiente. La Riserva Naturale Regionale del Monte San Vicino e del Monte Canfaito,  è stata istituita nel dicembre del 2009, grazie alla legge quadro del 1992, il suo nome è legato al monte San Vicino che dai suoi 1479 metri risulta essere la punta più visibile della catena Appenninica Marchigiana e comprende i Comuni di Matelica e San Severino, che hanno la parte più estesa, poi Gagliole ed Apiro. . L’area del San Vicino e del Canfaito è straordinaria e solo percorrendola per i vari sentieri presenti si può comprendere la bellezza e l’unicità di ciò che si osserva o si ascolta. Perché camminando in silenzio, non è escluso, si può vedere un capriolo, una lepre, uno scoiattolo oppure ascoltare il picchiettio di un picchio rosso o verde, oppure sentire il richiamo di una poiana che vola nel cielo. E’ un’area dove ancora, in parte l’aspetto antropologico non ha preso il sopravvento e anche se purtroppo non tutti hanno senso civico, non tutti comprendono che per avere il diritto di godere di panorami e una natura preziosa bisogna rispettare le regole: tutela, conservazione, valorizzazione e promozione del patrimonio naturalistico e geologico che sono i principi fondanti del Piano Territoriale delle aree protette. È nostra la responsabilità rispettare e quando possibile migliorare le condizioni di questi territori, equilibri ecologici che rappresentano l’unica eredità insostituibile che possiamo lasciare ai nostri figli.

    Maria Cristina Mosciatti

    #nature #photography #naturephotography #love #photooftheday #travel #instagood #beautiful #picoftheday #art #photo #instagram #landscape #naturelovers #like #follow #happy #bhfyp #summer #travelphotography #life #sunset #style #instadaily #fashion #beauty #ig #photographer #flowers #bhfyp

    #smile #wildlife #mountains #me #likeforlikes #myself #adventure #model #cute #naturelover #india #landscapephotography #hiking #followme #green #explore #canon #instalike #photoshoot #outdoors #birds #insta #selfie #travelgram #beach #wanderlust #sun #animals #macro #forest

    #uccelli #birds #nature #bird #natura #birdwatching #naturephotography #animali #birdsofinstagram #birdphotography #animals #wildlife #uccello #wildlifephotography #aves #italy #ornitologia #avifauna #naturelovers #photography #italia #ig #nikon #fotografianaturalistica #vogel #love #photo #uccellini #instabirds #bhfyp

    #animali #animals #animal #nature #natura #love #instagood #dog #animalsofinstagram #fauna #instanature #pet #pets #cat #cute #instalife #photography #italy #photooftheday #dayshots #nature_shooters #awesome_shots #instanaturelover #wild #naturaleza #natgeohub #igs #dogs #animallovers #naturephotography #animaliselvatici

  • Quasi quarant’anni dopo l’Olanda (1983) e trenta dopo la Germania (1994), anche l’Italia fa un passo in avanti sulla tutela dell’ambiente, l’8 febbraio 2022 la Camera dei Deputati ha votato una modifica degli articoli 9 e 41 della Costituzione, l’Italia, così, è il 22esimo Stato membro dell’Ue ad aver inserito uno o più riferimenti all’ambiente nella propria Carta costituzionale.

    L’iter parlamentare del disegno di Legge è terminato e il testo, dopo la promulgazione del Presidente della Repubblica, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, gli articoli che sono stati modificati:

    L’art. 9 che rientra tra i principi fondamentali e, attualmente, è composto da due commi,  la riforma introduce un ulteriore comma:

    1. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica;

    2. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione;

    3. Tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni.    La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali

    L’art. 41  si trova nella parte dedicata ai “diritti e doveri dei cittadini” è riportato:

    1. L’iniziativa economica privata è libera.

    2. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla salute, all’ambiente, alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.

    3. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali e ambientali.

    Una bella vittoria in materia di biodiversità, tutela dell’ambiente e degli animali, ma quanti anni ha impiegato l’Italia per arrivare questo obiettivo? Quanto, le associazioni ambientaliste attive a livello nazionale (Legambiente, WWF, Lipu, Greenpeace), hanno dovuto lottare e mediare, per arrivare a questo risultato, facciamo un breve un accenno storico di come sia stata valorizzata, nel tempo  la parola “Ambiente” nell’Unione Europea.

    La politica dell’Unione in materia di ambiente risale al Consiglio europeo tenutosi a Parigi nel 1972, in occasione del quale i capi di Stato hanno dichiarato la necessità di una politica comunitaria in materia di ambiente. L’Atto unico europeo del 1987 ha introdotto un nuovo titolo «Ambiente», che ha costituito la prima base giuridica per una politica ambientale finalizzata a salvaguardare l’ambiente, proteggere la salute umana e garantire un uso razionale delle risorse naturali. Il trattato di Maastricht (1993) ha fatto dell’ambiente un settore ufficiale della politica dell’Unione Europea. Il trattato di Amsterdam (1999) ha stabilito l’obbligo di integrare la tutela ambientale in tutte le politiche settoriali dell’Unione al fine di promuovere lo sviluppo sostenibile. Quello di «combattere i cambiamenti climatici» è divenuto un obiettivo specifico con il trattato di Lisbona (2009), l’UE si è impegnata in un percorso lungo e condiviso che in Italia è stato sofferto e tormentato ma, non direi concluso con il DDL dell’ 8 febbraio 2022, anzi è iniziato un percorso in salita per far comprendere alle politica nazionale, regionale e locale, l’ importanza di questa “rivoluzione” Costituzionale.

    Ora, in Italia, i diritti dell’ambiente, entreranno nelle aule giudiziarie e, lo stesso succederà per la tutela degli animali e della biodiversità. Per chi pensa che siano solo belle parole, basta immaginare le conseguenze concrete dei nuovi articoli della Costituzione sulla gestione passata, presente e futura dell’Ilva di Taranto, le ricadute sulla normativa sulla caccia, considerate che l’Italia detiene il record di procedure d’infrazione e di violazione di direttive europee in materia ambientale e di leggi sul clima (Dossier reati di Ecomafia di Legambiente), direi che è stata, più che necessaria tale modifica costituzionale.

    Ora, ci auguriamo che le future leggi, possano avere una nuova visione socio-culturale per ciò che riguarda le nozioni ecologiche legate alla biodiversità, agli ecosistemi e animali, anche se  il ministro Cingolani, con le nuove disposizioni recenti non sembra andare verso una direzione ecologista, anzi  non ha accordato nessun stop per le concessioni petrolifere, ha approvato il decreto sul Pitesai, ( Piano per la Transizione Energetica Sostenibile delle Aree Idonee) che definisce le nuove aree in cui sarà permesso di proseguire le attività estrattive degli idrocarburi: mezza Italia si può trivellare. Una riflessione dovuta proprio pochi giorni dopo l’approvazione di una “Costituzione verde”

    Maria Cristina Mosciatti

    #nature #photography #naturephotography #love #photooftheday #travel #instagood #beautiful #picoftheday #art #photo #instagram #landscape #naturelovers #like #follow #happy #bhfyp #summer #travelphotography #life #sunset #style #instadaily #fashion #beauty #ig #photographer #flowers #bhfyp

    #smile #wildlife #mountains #me #likeforlikes #myself #adventure #model #cute #naturelover #india #landscapephotography #hiking #followme #green #explore #canon #instalike #photoshoot #outdoors #birds #insta #selfie #travelgram #beach #wanderlust #sun #animals #macro #forest

    #uccelli #birds #nature #bird #natura #birdwatching #naturephotography #animali #birdsofinstagram #birdphotography #animals #wildlife #uccello #wildlifephotography #aves #italy #ornitologia #avifauna #naturelovers #photography #italia #ig #nikon #fotografianaturalistica #vogel #love #photo #uccellini #instabirds #bhfyp

    #animali #animals #animal #nature #natura #love #instagood #dog #animalsofinstagram #fauna #instanature #pet #pets #cat #cute #instalife #photography #italy #photooftheday #dayshots #nature_shooters #awesome_shots #instanaturelover #wild #naturaleza #natgeohub #igs #dogs #animallovers #naturephotography #animaliselvatici

  • La neve gioia per i bambini, vita per gli animali, le piante, i fiumi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: